I giornalisti della mia Olimpia: Dario Colombo.

Dario Colombo, Classe 1952, nato a Sesto San Giovanni, ha cominciato con i GIGANTI nel 1973, non ancora laureato all’Università Cattolica di Milano in Scienze Politiche. Scriveva sulla grande GEAS di Sesto, il cui Presidente, Azeglio Maumary, ha suggerito a Gianni Menichelli, allora Editore, di prenderlo.

Il resto è storia. Fotografo (anche super) per Giganti, intervista a Kareem Abdul-Jabbar, Camp di Jim McGregor, LA Summer League, stringer per 'Sports Illustrated' e 'il Giorno', autore (“Cent’Anni di Basketball” con Oscar Eleni), 8 Olimpiadi, 20 NCAA Final Four, RAI, Radio 24, Direttore GIGANTI, Direttore SKY Sport, Ferrero e ben altro.


E’ stato Direttore di GIGANTI del Basket per ben 15 anni. Sono stati anni importantissimi nonché difficili, visto l’arrivo di Superbasket come concorrente. Insieme a Bruno Bogarelli, hanno trasformato GIGANTI da mensile a quindicinale, poi a settimanale nel 1992. Insieme a Tullio Lauro, hanno salvato la testata più volte dal fallimento, cedendola a Conti Editori, con cui hanno fatto il record di vendite. Pure telecronista, facendo le prime telecronache del Basket NCAA, su TMC, insieme a Mike D’Antoni. Aprì la sua agenzia NEWCOM, subito ufficio stampa per l’NBA in Italia, nonché per RCS, la Gazzetta dello Sport, Lega Basket e altri.


In tutto ciò, Dario Colombo è diventato un giornalista non solo bravo ma di grande importanza. Quando l’Italia finì al quinto posto negli Europei del 1979, che sono stati disputati in Italia, con il girone finale a Torino, Colombo ha scritto un articolo chiedendo alla FIP di cambiare il capo allenatore. Non tanto tempo dopo, dopo 12 anni come Head Coach degli Azzurri, Giancarlo Primo è stato sostituito dall’uomo suggerito da Colombo e GIGANTI, Alessandro Gamba. Quindi, quando Bruno Bogarelli, proprietario e editore dei GIGANTI, è andato in Fininvest nel 1981, Dario Colombo è diventato Direttore della rivista.


Ovvio, Dario Colombo è stato con GIGANTI durante tutti i miei 9 anni all’Olimpia, 1978-87. Pur essendo tifoso della squadra, non perdeva l’obiettività. Dario Colombo è stato sempre sopra le polemiche. Per lui, GIGANTI doveva promuovere il Basket Italiano, non buttarlo per terra. Con questo, pur essendo Direttore, è stato lui a scattare la famosa foto della copertina del 1981, quando la nostra Olimpia ha preso Dino Meneghin da Varese, con Dino appoggiato all’insegna dell’Autostrada MILANO. Geniale, a dire poco. Come dicono in America, “Una foto vale più di mille parole.” Quindi, l’Olimpia ed io ringraziamo Dario per quello scatto!


Dario Colombo è stato un mio sostenitore sin dall’inizio. Anzi, è stato il primo a portarmi a cena, a ‘La Pampa.’ Non si può dimenticare chi è stato nel tuo angolo nei momenti duri. Per questa lealtà, Dario ha amicizie che durano da decenni con pezzi da novanta come Art Kenney e Mike D’Antoni, che lo chiamano appena arrivati a Milano.

Ma cosa vogliamo? Quando Dario andava a New York per i GIGANTI, David Stern, Commissioner dell’NBA, mandava a prenderlo una limousine al JFK! Logico, mi prendeva in giro, tipo l’anno del Grand Slam: “Coach, sappi che, quest’anno, i GIGANTI non darà il premio Mr. Basket a te, bensì ad Arvydas Sabonis.”

Giusto così!



7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Richard Street e le "parolacce".

Confesso! Conosco una grande quantità di parolacce! Quelle in Inglese le ho imparate tutte da Richard Street. Da chi le ha imparato lui, non ne ho la più pallida idea! Ma lui era un vero dizionari