I Tecnici Olimpia del Settore Giovanile: Giuseppe Barbera.

Giuseppe Barbera non è da confondere con Giuseppe Barbara, trattato due giorni fa! Giuseppe ‘Beppe’ Barbera, Classe 1961, nato a Caracas da genitori italiani, è venuto da noi dopo sei anni, 1980-86, come coach nel settore giovanile di San Lorenzo di Novara. E' stato nel nostro vivaio quattro anni, 1986-90. Quindi, ha cominciato con il mio ultimissimo anno, 1986-87. E' stato assistente Juniores e anche Capo Allenatore di quattro diverse squadre: Propaganda, Ragazzi, Allievi e Cadetti. Ovvio, l’ho visto solo quell’anno ma si capiva che lui aveva una marcia in più. Perché? Perché era un ‘positivo’, sempre sorridente.


Dopo il tempo con l’Olimpia, nel 1993, insieme a 9 altri soci, ha fondato Zenit Informatica di Novara. Oggi, Beppe è il CEO di Gruppo Zenit, con circa 100 persone che lavorano per lui, sia in Italia che all’estero. Zenit, come core business, si occupa di gestire da remoto i sistemi informativi di aziende multinazionali che necessitano monitoraggio dei sistemi 24 ore al giorno. La sede a Novara ha 25 dipendenti. Quella a Kerela, in India, ne ha 75. Con il passare del tempo, Beppe Barbera è diventato proprietario unico dell’azienda. E’ stato il deus ex machina dietro la crescita costante della ditta.


Ma non ha mai mollato il basket! Anzi. E’ stato capo allenatore di BC Novara per due anni. Nel 1990-91, in Serie C, guadagna la promozione. Poi, nel 1991-92, è in Serie B. Nel 1992-93, è capo allenatore di Basket Garlasco in Serie B. Poi, per tre anni, capo allenatore di Basket Castelletto, 1993-95, sempre in Serie C. Nel 1996-97, torna come capo di BC Novara in Serie C. Per tre anni, 1997-00, è capo di Junior Casale in Serie C. Poi, ancora un anno, 2000-01, con BC Novara in Serie C. Poi, la carriera da dirigente: cinque anni, 2001-06, come Direttore Sportivo di Junior Casale, sotto il proprietario-Presidente Dott. Giancarlo Cerutti.


Nel 2003-04, con Junior Casale, viene catapultato anche in panchina come Capo Allenatore.

Dice Barbera: "Durante la settimana allenava Crespi, io andavo in panchina e gestivo la partita. Andammo ai playoff come ultimi e incrociammo subito la squadra favorita per la salita in serie A JUVE CASERTA allenata da Massimo Bernardi. In quintetto base: NANDO GENTILE. Andammo a Caserta in 14 persone, non ci credeva nessuno, e clamorosamente vincemmo al Palamaggio’ di due punti e poi in casa davanti a un palazzetto gremito ai supplementari. In semifinale invece persi 2-1 contro il Castelletto di Sacchetti e Portaluppi, che alla bella fece oltre 40 punti.”


Poi, sette anni, 2006-13, solo come Consulente del Presidente alla Junior Casale, in A-2, vincendo la promozione in A-1 nel 2011-12, con Marco Crespi in panchina come Capo Allenatore, risultato storico per il club. Conserva tuttora ricordi dei tempi all’Olimpia.

Dice lui, “Ho fatto di tutto. Addetto agli Arbitri, Accompagnatore Squadra Ospite (ARIS Salonicco), Autista per Mike D’Antoni e Bob McAdoo, Capo Settore Video, anche altro. Grande scuola di basket … sotto Crespi e Saibene … e vita, con Toni Cappellari e Franco Casalini. Ho fatto le ossa lì. Lezioni di vita che uso tuttora con i miei 100 dipendenti!”



13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Richard Street e le "parolacce".

Confesso! Conosco una grande quantità di parolacce! Quelle in Inglese le ho imparate tutte da Richard Street. Da chi le ha imparato lui, non ne ho la più pallida idea! Ma lui era un vero dizionari