Museo del Basket italiano.

Un museo del basket è la memoria storica del nostro sport. Ovvio, quello più vecchio nel mondo è a Springfield, Massachusetts. In Europa, c’è la Fondazione Pedro Ferrandiz, il mitico coach del Real Madrid, nato negli anni 80. In Italia, il primo è stato creato dal Cav. Giorgio Chimenti negli anni ‘60 ad Altopascio, non tanto distante da Lucca. A Milano, l’ex-giocatore Dr. Giorgio Papetti ha fatto nascere un Museo del Basket sul web nel Luglio del 2014, con un sito contenente tanti profili su giocatori, allenatori e dirigenti del basket milanese. Anche a Bologna ci sarà il MUBIT, Museo del Basket Italiano, con sede al Palazzo dello Sport in Piazza Azzarita.


Oggi, c’è anche Superbasket House of Basketball con Alberto Cecere, notissimo collezionista e curatore di tante esposizioni, aperto nel 2015. Sono più legato a questo museo per un motivo: Alberto Cecere ha prestato tutti i suoi cimeli dell’Olimpia, all’Olimpia Milano il 6 Marzo 2016, in occasione del 80° compleanno del club. Logico che mi sento legato all’Olimpia! A parte il mio passato come allenatore del club, siamo nati lo stesso giorno, 9 Gennaio 1936, anche se qualcuno lo mette in dubbio. Quindi, chiedo, ogni tanto, ad Alberto Cecere come va con la raccolta dei cimeli dell’Olimpia, anche se lui va a 360°: NBA, NCAA, Europa, Italia.


Le due foto in basso fanno vedere solo una piccola fetta del capolavoro di Alberto Cecere per l’Olimpia quel giorno. A sinistra, si vede Cecere con la maglia numero 10 e la foto di Roberto Premier in schiacciata. Nella foto a destra, si vedono tre grandi ‘ex’ dell’Olimpia, Mauro Cerioni, Maurizio Benatti e Paolo Bianchi, con una delle cinque parti della collezione, tutto organizzato per cinque ‘epoche’ del club. Ecco il legame fra Alberto Cecere e l’Olimpia e perché seguo il suo museo con grande interesse. Lui viaggia come un treno, avendo fatto anche esibizioni a Torino con il famoso ex-calciatore Alessandro Del Piero, anche lì un successo strepitoso.


Proprio Superbasket nel 2018 ha iniziato un lavoro impressionante sul materiale fotografico: prima digitalizzando le foto di Giorgio Chimenti (circa 20.000 immagini del periodo 1940-1970) e poi recuperando altre 80.000 diapositive (a partire dal 1966, anno di fondazione del mensile Giganti del Basket, fino al 2000). Ora queste 100.000 immagini sono on line e raccontano la storia del basket italiano dal 1940 al 2000. E almeno 5.000 immagini sono proprio dell'Olimpia Milano. Poi, come si vede dalle foto, ha più cimeli dell’Olimpia che di qualsiasi altra squadra nella storia del Basket Italiano. Quindi, la ‘House of Basketball’ ha un grande ‘Angolo Olimpia.’


Poi, nella foto più a destra, c’è Alberto Cecere nella Superbasket House of Basketball. Come si vede, non solo ha le maglie di ogni squadra NBA ma anche maglie storiche, firmate dai protagonisti. Così, insieme a Superbasket, Alberto Cecere ha salvato e conservato memorabilia preziosi. Nel salvare ciò che poteva dal magazzino del Museo di Altopascio, ha notato che diversi cimeli importanti erano stati già portati via. Senza Alberto Cecere e Superbasket, anche il resto sarebbe stato perso. Vi suggerisco di visitare questa pagina contenente i cimeli e le foto di proprietà di Alberto Cecere e Superbasket SRL.

https://www.instagram.com/superbasketmemorabilia/.



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Richard Street e le "parolacce".

Confesso! Conosco una grande quantità di parolacce! Quelle in Inglese le ho imparate tutte da Richard Street. Da chi le ha imparato lui, non ne ho la più pallida idea! Ma lui era un vero dizionari