Olimpia Hall of Fame

Aggiornato il: apr 19

L’Olimpia Hall of Fame non esisteva durante i miei tempi con il club, 1978-87. E' nata nel 2014, dall’iniziativa di Claudio Limardi, ai tempi Addetto Stampa dell’Olimpia, oggi anche Direttore della Comunicazione. Ma, logico, quelli eletti — più o meno 40 finora — vengono dalle generazioni prima di me, durante la mia permanenza e dopo di me. Quindi, è un ‘richiamo’ del passato che tiene viva la memoria storica del club e che riconosce chi ha reso l’Olimpia grande. Come in qualsiasi Hall of Fame (Arca di Gloria), vengono eletti dirigenti, allenatori e giocatori. Finora non c’è un settore per i ‘contributors,’ tipo gli sponsor.


L’Olimpia Hall of Fame è ciò che gli Americani chiamano un ‘santuario di carta,’ un sacrario che non ha, per il momento, una sede fissa. Non importa. La primissima Hall of Fame negli USA, la Helms Foundation Hall of Fame di Los Angeles, è stata fondata da Bill Schroeder nel 1936, prima della Hall of Fame del Baseball (1939), Football NCAA (1951), del Basket (1959), dell’NFL (1963), Nuoto (1965) e Atletica Leggera (1974). La Helms HoF aveva tutti gli sport: football, basket, baseball, atletica, nuoto. Ma non c’è stata mai una sede fino agli anni ’80. La ’sede,’ per modo di dire, era l’ufficio di Bill Schroeder, in diversi archivi ben custoditi.


<http://www.olimpiamilano.com/hall-of-fame/?id=4901>. Come dice Claudio Limardi, quella dell’Olimpia è una Hall of Fame ‘virtuale.’ Con i tempi moderni si può ‘visitare’ questa arca di gloria via Internet. Basta cliccare sul link qui sopra per vedere i profili di tutti quelli eletti. Io faccio parte della ‘comitiva’ di tre persone che seleziona quelli che poi vengono eletti, insieme a Sandro Gamba e Franco Casalini. Per la verità, è un lavoro semplicissimo, diversamente da altre Hall of Fame, dove le cose sono molto complicate. Noi tre non abbiamo mai avuto neanche un minimo di dubbio su chi scegliere. Scelte facili, chiare, ovvie.


Quindi, sono coinvolto con l’Olimpia Hall of Fame al 100%. Sono anche onorato ad essere stato eletto … non votavo quell’anno! Per quanto riguarda l’Italia, non potrei chiedere di più perché sono nell’Italia Basket Hall of Fame dal 2013 e anche l’Olimpia Hall of Fame dal 2014. Lo stesso per gli USA perché sono stato eletto all’Illinois Basketball Hall of Fame nel 1994 e alla Evanston High School Athletic Hall of Fame nel 2013. Con questo voglio dire che so quanto è importante. Ovvio, lo stesso vale per Sandro Gamba e Franco Casalini. La nostra missione è di non lasciare fuori nessun meritevole, anche se ha giocato un solo anno all’Olimpia.


Sono anche interessato in almeno altre due Hall of Fame che stanno per nascere. Una è la Hall of Fame del Basket in Cile. L’idea è stata presentata molti anni fa dal grande giornalista di basket, Humberto Ahumada, che scrive sotto il nome d'arte ‘Tito Norte.’ Ora sembra che ci sia l’idea di realizzarla. L’altra è della Virtus Bologna, altra idea emergente. Ovvio, ho allenato sia il Cile che la Virtus. Sono spesso in contatto con Humberto Ahumada. Faccio il suo ‘assistente,’ suggerendo nomi. Farei altrettanto per la Virtus. Comunque, oggi l’Olimpia Hall of Fame è virtuale ma, un domani, avrà la sua ‘casa'. E sarò il primo a visitarla!




6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti