Un aneddoto su Gabriele Proserpio.

Ringrazio Dante Gurioli per questo ritorno sul pezzo su Gabriele Proserpio, lo speaker del Pala Lido:

Un amico (tifoso Olimpia dei tuoi tempi), a cui avevo inviato il tuo articolo su Proserpio, mi scrive questo aneddoto che, a ben ricordarsi, era veramente così!! “Ricordiamo benissimo Proserpio, la sua voce e il suo stile.

"Gennari, 8 pari" con rima baciata, uno dei suoi cavalli di battaglia.


Ad integrazione del racconto vorrei ricordare che in tempi in cui internet ed i telefonini non erano ancora stati inventati, il campionato non aveva i playoff e si giocava tutti quanti in contemporanea la domenica, diventava fondamentale conoscere subito i risultati delle avversarie per lo scudetto, ovvero Ignis in primis (per fare rima anch'io) e poi Cantù e Virtus.


Quindi all'intervallo, dopo aver sciorinato punti e falli di tutti i protagonisti della partita, sul palalido scendeva un silenzio che nemmeno in chiesa...

lui con sapiente suspence per esempio diceva:

A Bologna...

A Bologna...

(mormorio in sala)

Virtus 45...

pausa studiata di alcuni secondi che sembravano minuti...

... Ignis... 38


e a quel punto scoppiava l'entusiasmo in tutto il palazzetto


Litania che ovviamente si ripeteva a fine gara “


Non sapevo (o non ricordavo) questo dettaglio … ovvio, all’intervallo ero nello spogliatoio! Bellissimo!

(Foto milano,corriere.it)


7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Richard Street e le "parolacce".

Confesso! Conosco una grande quantità di parolacce! Quelle in Inglese le ho imparate tutte da Richard Street. Da chi le ha imparato lui, non ne ho la più pallida idea! Ma lui era un vero dizionari